Come scegliere il tavolo per la cucina

La scelta del tavolo per la cucina deve essere valutata accuratamente, dal momento che è il vero protagonista dell’ambiente: tondo, quadrato, allungabile è l’oggetto d’arredo destinato ai pranzi, cene e le normali esigenze quotidiane e familiari.

La prima considerazione da fare è la dimensione. Se la cucina è piccola oppure desideriamo lasciare l’ambiente libero e arioso, la nostra scelta cadrà facilmente sul tavolo allungabile che unisce la funzionalità di un piano d’appoggio e la praticità di ricevere un gran numero di persone

La scelta del tavolo da cucina in legno o in cristallo è una questione di gusto ma anche di praticità. Ad esempio, In una famiglia con bambini piccoli o con abitudini minimaliste il tavolo in cristallo è sconsigliato perché si sporca facilmente.

Oltre al materiale, è determinante prendere in considerazione la forma del tavolo per la cucina.

Tavolo tondo

La dolcezza del tavolo tondo è l’ideale per le cucine piccole e nelle situazioni in cui i pensili sono situati in tutte le pareti e lo spazio a disposizione è ridotto. Posizionato al centro della stanza, permette di muoversi liberamente e diventa un pratico piano d’appoggio.

Tavolo a parete

Se la cucina è piccola o ti piace lo stile semplice e sobrio, il tavolo a parete o a consolle è la scelta giusta che risponde esattamente alle caratteristiche dell’ambiente perché, essendo piccolo e attaccato al muro, può diventare un’elegante base d’arredo.

Il tavolo a consolle è fissato alla parete ed è importante che sia resistente e robusto. Il legno e il ferro sono i materiali migliori che garantiscono la robustezza; a questo proposito è consigliabile che il piano abbia un’altezza maggiore degli altri tavoli (almeno 5 cm) e per distribuire il peso uniformemente su tutto il tavolo ha le gambe più larghe inserite leggermente all’interno rispetto ai tavoli tradizionali per un risultato ancor più saldo. Per alleggerire l’effetto visivo fai includere degli inserti trasparenti nel piano oppure fai realizzare le gambe in vetro, in modo da farlo apparire più delicato.

Tavolo Snack

Se hai poco spazio e vuoi ricavare più pensili, il tavolo snack è un’idea molto pratica che nasce dal prolungamento del piano o dei mobili della cucina, diventandone parte integrante. E’in tono con lo stile dell’arredo e contribuisce a trasmettere armonia, le forme e le misure sono progettate in base all’ambiente e allo spazio disponibile. Lo snack è un’ottima soluzione se il living e la cucina sono un unico ambiente e cerchi un’idea che li stacchi visivamente.

Alla base del tavolo è possibile ricavare degli armadietti multiuso per guadagnare spazio; in questo modo il tavolo ha una doppia funzionalità e, per valorizzare il tavolo rispetto ai mobiletti sottostanti, è consigliabile comporli in tonalità di colore o materiali diversi e a contrasto. Piccoli accorgimenti che personalizzano e caratterizzano la cucina

Tavolo rettangolare

E’il tavolo più amato e scelto dagli italiani. Pratico e funzionale si accosta agli stili e alle caratteristiche di tutti gli ambienti, rendendoli eleganti e nello stesso tempo armoniosi e sempre in linea con i tempi.

Puoi scegliere per materiali e colori in armonia o contrasto con gli altri elementi di arredo della cucina e, se ti piace osare, scegli le sedie di colori differenti e rendi ancor più particolare l’ambiente, accostando al tavolo una lampada di design moderno.

Tavolo ovale

Si adatta alle cucine profonde e strette perché, a differenza del tavolo rettangolare, permette di guadagnare spazio, muoverti meglio e ricavare anche dei posti a sedere. Generalmente questi tavoli hanno un unico piedistallo centrale e questo consente di stare comodi. Data la forma, il tavolo ovale può essere comodo per nascondere dei piccoli sgabelli, da estrarre all’occorrenza.

#TavoloCucina  #Arredi2000  #centrocucinecagliari